Messaggio del 25 Maggio 2018…Medjugorje

IMG_2121Messaggio dato alla veggente Marija

“Cari figli! In questo tempo inquieto vi invito ad avere più fiducia in Dio che è il Padre vostro nei cieli e che mi ha mandato per condurvi a Lui. Voi, aprite i vostri cuori ai doni che Lui desidera darvi e nel silenzio del cuore adorate mio Figlio Gesù, che ha dato la Sua vita affinché viviate nell’eternità dove desidera condurvi. La vostra speranza sia la gioia dell’incontro con l’Altissimo nella vita quotidiana. Per questo vi invito: non trascurate la preghiera perché la preghiera fa miracoli. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Annunci

Una Risposta to “Messaggio del 25 Maggio 2018…Medjugorje”

  1. Maria Del Gaudio Says:

    Commento di P. Livio al messaggio della Regina della pace a Marija di Medjugorje, 25 maggio 2018
    Image
    Il significato di questo messaggio è un richiamo fortissimo all’interiorità.
    La Madonna, in questi ultimi tempi, ci invita, attraverso la preghiera personale, attraverso la partecipazione alla Santa Messa e alla Santa Comunione a stringere un intimo rapporto con Gesù cosi saldo, così profondo che nessuna bufera della vita possa rompere.
    La Madonna sa che viviamo in un tempo in cui Satana, sciolto dalle catene, ci attira con la potenza della seduzione che sarà sempre più forte, ci oscura con i messaggi della menzogna: Dio non c’è, l’aldilà non c’è, l’anima non c’è, il peccato non c’è, per inghiottirci nella palude del male, fino a che si manifesterà quella che è l’impostura religiosa anticristica, con la quale Satana cerca di convincere gli uomini che non c’è salvezza che viene da Dio, ma che gli uomini possono salvarsi da soli.

    Per resistere a questa potenza del male che seduce le anime e le attira verso l’abisso e la rovina, la Madonna vuole che nella preghiera, nell’intima unione con Gesù, ci sia un incontro con l’Altissimo nella vita quotidiana e che l’Altissimo sia la luce che ci illumina, che ci dà la sapienza del discernimento, la forza che ci sostiene e l’amore che ci attira.
    Solo chi prega, solo chi vive in intima unione con Dio, solo chi si alimenta con la luce e la forza di Dio quotidianamente, esce vincitore dal tempo di prova che stiamo affrontando, perché si vedrà come la preghiera compie miracoli nei cuori e nel mondo.
    Questo è il senso generale del messaggio.

    Poi c’è come un rimprovero della Madonna, quando dice: “per questo vi invito, non trascurate la preghiera”, “state attenti, perché se trascurate la preghiera, perdete la luce e la forza per affrontare il combattimento in cui è in palio la salvezza vostra e quella degli altri”.
    Vediamo passaggio per passaggio, questo bellissimo messaggio della Regina della Pace.

    “Cari figli, in questo tempo inquieto”,
    la parola inquieto è la traduzione italiana di una parola croata “nemiran” che vuol dire “senza pace”, non c’è la pace con Dio, non c’è la pace con se stessi, non c’è la pace con gli altri,
    “vi invito ad avere più fiducia in Dio”;
    avere fiducia in Dio vuol dire rivolgerci a Dio perché ci aiuti.
    È la preghiera di domanda, dobbiamo avere più fiducia in Dio, non dire: tanto Dio non può far niente, tanto Dio permette il male! No! La preghiera fa miracoli nei nostri cuori che pregano, ma anche nel mondo.
    “Abbiate più fiducia in Dio”, direbbe Gesù, perché è un Padre che non sta in cielo a guardare e non interviene, è Lui, dice la Madonna, che “vedendo le difficoltà della vita, mi ha mandato”.
    Vedendo che perdete la fede, che perdete la strada, vedendo che il maligno vi insidia e che il serpente vi inghiotte come fa con i ranocchi, “Lui mi ha mandato”.
    La Madonna è l’ancella del Signore, l’obbediente; ed è venuta su comando dell’Altissimo. E perché è venuta? “Mi ha mandato per condurvi a Lui”.
    La Madonna per sua natura ci conduce a Dio, ci conduce a suo Figlio.

    Però, mentre Dio ha uno sguardo d’amore su questa generazione tanto da “inviarmi in mezzo a Voi per così tanto tempo”, voi cosa fate? Rispondete? Non rispondete? Ve ne infischiate? Cosa fate?
    Dovremmo aprire i nostri cuori: “Voi, aprite i vostri cuori ai doni che Lui desidera darvi”. E quali sono i doni che desidera darci?

    Prima di tutto è la Madonna stessa, che viene qui quotidianamente in mezzo a noi! Apriamo il cuore a questo grandissimo dono e a tutti gli altri doni che Dio dà per i bisogni della nostra vita spirituale. E perché invia la Madonna in mezzo a noi come dono a noi, perché ci conduca a Lui?
    Perché questa vita passa e non va a finire nel nulla, non si dissolve nella polvere, non è una candela che si spegne o una clessidra che si svuota; ma è un cammino verso l’eternità: “mio Figlio Gesù ha dato la Sua vita affinché viviate nell’eternità dove desidera condurvi”.
    La Madonna tante volte ha detto: ”Vi voglio tutti con Me in Paradiso”, “voglio salvare tutte le anime e presentarle a Dio”.

    Questa prospettiva della vita, come cammino verso l’eternità, si oppone all’altra prospettiva di chi non crede in Dio, la vita come un girare a vuoto nel labirinto senza porte, senza finestre, senza luci, non come un cammino verso la meta, come un cammino verso un porto di luce dove la barchetta della nostra vita è chiamata ad approdare, no! La concepisce come un girare a vuoto nel labirinto, finché uno stramazza!

    Ma questo non è il nostro destino. Dio vuole che tutti arriviamo all’approdo della Gerusalemme Celeste, dove desidera condurci e perché questo avvenga, perché la nostra vita porti a termine questo pellegrinaggio verso l’eternità, noi dobbiamo alimentare l’incontro quotidiano col Signore nella preghiera, così che nella preghiera si accenda la speranza: “la vostra speranza sia la gioia dell’incontro con l’Altissimo nella vita quotidiana”. La speranza è la fede nel futuro, è lo sguardo verso la meta che ci attende, in modo tale che nell’incontro col Signore ci sia questa gioia al pensiero che Dio c’è, che Dio è con noi, che ci è vicino e ci perdona, che Dio ci ama e che ci conduce verso il suo Cuore che è essere con Dio eternamente.

    In questo sguardo si alimenta la nostra speranza, perciò, dice la Madonna,” rafforzate la vostra speranza attraverso l’incontro di preghiera con Dio nella vita quotidiana”,
    “per questo vi invito: non trascurate la preghiera, perché la preghiera fa miracoli”, questa è un’esperienza che possiamo fare: la preghiera compie miracoli. Siamo in una situazione tale nella nostra nazione che abbiamo bisogno del miracolo della preghiera.

    La preghiera compie miracoli, la preghiera può fermare le guerre, può ottenere cose che non possiamo neanche immaginare, la preghiera soprattutto compie miracoli nella nostra vita, può far sì che siamo ancorati a Dio, per attingere alla fonte della vita, della grazia, alla fonte della gioia, alla fonte della luce che illumina, alla fonte della forza che ci permette di combattere quotidianamente.
    Rispondiamo alla chiamata! Se risponderemo alla chiamata, la Madonna ci sarà grata: “Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

    Piace a 1 persona


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: