Messaggio del 25 Gennaio 2014…Medjugorje

Immagine

“Cari figli! Pregate, pregate, pregate perché il riflesso della vostra preghiera influisca su tutti coloro che incontrate. Mettete la Sacra Scrittura in un posto visibile nelle vostre famiglie e leggetela perché le parole di pace scorrano nei vostri cuori. Prego con voi e per voi, figlioli, perché di giorno in giorno siate sempre più aperti alla volontà di Dio. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Annunci

Le 14 opere di misericordia…

amore-misericordioso

La Chiesa – servendosi della Bibbia, ma anche della propria esperienza bimillenaria – riassume l’atteggiamento positivo verso chi è in difficoltà, con due serie di opere di misericordia: quelle corporali e quelle spirituali.

Le ricordiamo:

Le sette opere di misericordia corporale

1)              Dar da mangiare agli affamati

2)              Dar da bere agli assetati

3)              Vestire gli ignudi

4)              Alloggiare i pellegrini

5)              Visitare gli infermi

6)              Visitare i carcerati

7)              Seppellire i morti  

  Le sette opere di misericordia spirituale

8)              Consigliare i dubbiosi

9)              Insegnare agli ignoranti

10)         Ammonire i peccatori

11)         Consolare gli afflitti

12)         Perdonare le offese

13)         Sopportare pazientemente le persone moleste

14)         Pregare Dio per i vivi e per i morti.

Ricorrendo al numero sette per due volte, la Chiesa intende dare a quel numero il valore simbolico raccolto nella Bibbia. Come a dire che in quel numero, che significa completezza, si vuol esprimere tutto ciò che riguarda l’aiuto verso il prossimo.

Veniamo quindi sollecitati, specialmente in quest’anno, a esercitare un amore concreto verso il nostro prossimo in situazione di disagio.

Come già raccomandava S. Giovanni ai primi cristiani: ” Figlioli, non amiamo a parole né con la lingua, ma coi fatti e nella verità” (1Gv 3,18). E S. Giacomo: “Siate di quelli che mettono in pratica la parola, non soltanto ascoltatori, illudendo voi stessi” (Gc 1,22).

 

 

 

 

SUPPLICA A DIO…

senza DioSUPPLICA A DIO

« O Dio, il nostro cuore è nel buio profondo; ciò nonostante è legato al Tuo Cuore. Il nostro cuore si dibatte tra Te e Satana; non permettere che sia cosi! E tutte le volte che il cuore è diviso tra il bene e il male che venga illuminato dalla Tua luce e si unifichi. Non permettere mai che dentro di noi ci possano essere due amori, che mai possano coesistere due fedi e che mai possano coabitare tra di noi la bugia e la sincerità, l’amore e l’odio, l’onestà e la disonestà, l’umiltà e la superbia. Aiutaci invece affinché il nostro cuore si innalzi a Te come quello di un bimbo, fà che il nostro cuore venga rapito dalla pace e che continui ad averne sempre nostalgia. Fà che la Tua santa volontà ed il Tuo amore trovino dimora in noi, che almeno qualche volta desideriamo davvero essere figli Tuoi. E quando, Signore, non desideriamo essere figli Tuoi, ricordati dei nostri passati desideri ed aiutaci a riceverTi di nuovo. Ti apriamo i cuori affinché in essi dimori il Tuo santo amore; Ti apriamo le nostre anime affinché vengano toccate dalla Tua santa misericordia, che ci aiuterà a vedere chiaramente tutti i nostri peccati e ci farà capire che ciò che ci rende impuri è il peccato! Dio, noi desideriamo essere Tuoi figli, umili e devoti a tal punto da diventare figli sinceri e cari, così come solo il Padre potrebbe desiderare che siamo. Aiutaci Gesù, nostro fratello, ad ottenere il perdono del Padre ed aiutaci ad essere buoni verso di Lui. Aiutaci, Gesù, a comprendere bene ciò che Dio ci dà poiché a volte noi rinunciamo a compiere un’azione buona ritenendola un male ». Dopo la preghiera, recitare tre volte il Gloria al Padre.

Messaggio del 2 gennaio 2014…Medjugorje

la-madonna-insegna-il-padre-nostroE’ apparsa molto “addolorata” e in un secondo momento “decisa”. Con questi due aggettivi la veggente Mirijana di Medjugorje ha raccontato l’apparizione del 2 gennaio della Madonna. Due aggettivi che non si sentono tanto frequentemente, al contrario la Vergine è spesso descritta felice e sorridente.

Il messaggio, dopo quelli di Natale 2013 e quello straordinario lasciato al veggente Ivan il 31 dicembre in cui ancora una volta ha chiesto di “pregare per la pace”, è un invito ad essere più umili e puri di cuore e farsi conquistare da Gesù, se vogliamo aiutare gli altri a uscire dalle tenebre. Per poterlo fare la via sembra essere solo quella della preghiera:

“Cari figli, per poter essere miei apostoli e per poter aiutare tutti coloro che sono nella tenebra a conoscere la luce dell’amore di mio Figlio, dovete avere cuori puri ed umili. Non potete essere d’aiuto affinché mio Figlio nasca e regni nei cuori di coloro che non lo conoscono, se Egli non regna, se non è il Re nel vostro cuore. Io sono con voi, cammino con voi come Madre, busso ai vostri cuori: non possono aprirsi, perché non sono umili. Io prego – ma pregate anche voi, figli miei amati, – affinché possiate aprire a mio Figlio cuori puri ed umili e ricevere i doni che vi ha promesso. Allora sarete guidati dall’amore e dalla forza di mio Figlio. Allora sarete miei apostoli, che diffonderanno ovunque attorno a loro i frutti dell’amore di Dio. A partire da voi e attraverso di voi agirà mio Figlio, perché sarete una cosa sola. A questo anela il mio Cuore materno: all’unità di tutti i miei figli per mezzo di mio Figlio. Con grande amore benedico e prego per gli eletti di mio Figlio: per i vostri pastori. Vi ringrazio”.