Oggi venerdì santo si possono liberare 33 anime dal purgatorio…recitate questa preghiera con fede…

2BA087E4-48E1-48DC-9FFB-D6F5083334D6

Oggi Venerdì Santo recitando questa preghiera x 33 volte possiamo liberare 33 anime dal purgatorio.

TI ADORO O CROCE SANTA

Ti adoro, o Croce Santa, che fosti ornata del Cor­po Sacratissimo del mio Signore, coperta e tinta del suo Preziosissimo Sangue. Ti adoro, mio Dio, posto in croce per me. Ti adoro, o Croce Santa, per amore di Colui che è il mio Signore. Amen.

 

Annunci

Preghiera del volto sanguinante di Gesù Cristo…

O Volto dolorante e sofferente del Figlio di Dio, o Volto augusto del Figlio della Vergine, insieme alla Chiesa Ti consacro oggi e sempre tutto il mio essere ed ogni creatura. Ti offro per le mani purissime della Regina Immacolata le preghiere, le azioni, le sofferenze di ogni giorno per espiare e riparare i nostri peccati: pietà per tutte le anime, pietà per il mondo intero! Ti lodo, Ti adoro e ti amo, Volto santissimo del mio dolce Salvatore, espressione viva ed eterna dell’amore e del martirio divini, offerti per l’umana Redenzione. Guidaci ad una vera preghiera, alla penitenza, alla conversione, all’amore per il prossimo. Rendici veri apostoli, insegnaci ad amare il Santissimo Sacramento e a viverLo ogni giorno: che il tuo sguardo soave ci sia sempre presente e si illumini di misericordia nell’ora della nostra morte. Amen! 

94ED9B10-4CC3-4B41-B521-26095EDEE210

                           LA STORIA

Il giorno esatto di quanto accaduto risale al 17 febbraio 1995, a Cotonou, nel Benin, stato dell’Africa occidentale (Golfo di Guinea). Quel giorno, un immagine incorniciata e protetta da un vetro del S. Volto di Gesù (18×24 cm), iniziò a sanguinare copiosamente. Una volta giunto il medico, il sangue era ormai coagulato ed egli non poté raccoglierlo. Testimoni dell’accaduto furono ben 12 persone, che dissero di aver visto il sangue uscire dal quadro del S. Volto. Poi, si sentì una voce, che disse “Io ritornerò ancora e il medico completerà il suo esame”. I presenti prepararono delle provette per un’eventuale seconda occasione.

Il 15 marzo del 1995, poco più di un mese dopo, verso le ore 17 l’immagine del S. Volto ricominciò a sanguinare e pure in abbondanza, tanto che il sangue copriva quasi completamente i lineamenti del volto. Il medico, che sopraggiunse, iniziò a riempire la provetta. Arrivato ad un quarto della capienza, sentì una voce dire “Basta così, la riempirò io stesso”. Il medico poté poi accertarsi che quello era vero sangue. Dopo 45 minuti, sia il medico che i 12 testimoni, nuovamente presenti, constatarono che la provetta si era riempita completamente, come preannunciato dalla voce, meravigliandosi senza riuscire a darsi una spiegazione. Il sangue venne poi esaminato e risultò essere sangue del gruppo AB Rh positivo.

LE RIVELAZIONI  E LE PROMESSE

Gesù disse: “Guarda il Mio Volto che sanguina! Che cosa voglio dirti? Che altro devo ancora dirti? Mi ascolti davvero ancora? Hai pietà di me quando mi vedi sanguinare così? Lo faccio per te!”

Il Padre Eterno rivelò: “Figli Miei! Nei giorni terribili che verranno sulla terra, il S. Volto del Mio Divin Figlio sarà valido aiuto (un vero panno per asciugare le lacrime), perché i Miei veri figli si nasconderanno lì dietro. lI S. Volto sarà vero Sacrificio che mitigherà le punizioni che lo permetterò sulla terra. Nelle case, dove Esso si trova, si avrà luce che libererà dalla potenza delle tenebre. Darò istruzione ai Miei angeli di contrassegnare i luoghi dove c’è il S. Volto e i Miei figli verranno protetti dal male che sopraggiungerà su questa ingrata umanità. Figli Miei, diventate veri apostoli del S. Volto e diffondetelo ovunque! Quanto più Esso verrà divulgato, tanto minore sarà la catastrofe”

Il SS. Cuore di Gesù: Offrite sempre al Padre celeste il Mio Volto Santo ed Egli avrà misericordia di voi. Io vi prego tutti di onorare il Mio Volto Divino e di darGli un posto d’onore nelle vostre abitazioni, affinché il Padre Eterno vi colmi di grazie e perdoni le vostre colpe. Cari figli Miei, non dimenticate nelle vostre case di rivolgere tutti i giorni almeno una breve preghiera al S. Volto di Gesù! Quando vi alzate non tralasciate di salutarlo e prima di coricarvi invocate la Sua benedizione! Così giungerete felicemente nella patria celeste. Vi assicuro che tutti quelli che sono particolarmente devoti al S. Volto verranno sempre avvertiti prima di pericoli e catastrofi! lo prometto solennemente che quelli che diffonderanno la devozione al Mio SS. Volto verranno risparmiati dalla punizione che scenderà sull’umanità.Essi riceveranno inoltre luce nei giorni della terribile confusione che si avvicinano alla S. Chiesa. Se dovessero perire durante il castigo, moriranno da martiri e raggiungeranno la santità. In verità, in verità vi assicuro: coloro che divulgheranno la devozione al Mio Volto, riceveranno la grazia che nessuno dei propri familiari sarà condannato e che quelli che si trovano in purgatorio saranno prontamente liberati. Tutti però dovranno rivolgersi a Me per intercessione della Mia SS. Madre” 

Possiamo notare quanto le promesse offerte da Gesù a chiunque rispetti le condizioni siano davvero enormi. Riassumendo, Gesù promette:

  • Coloro che divulgheranno la devozione al S. Volto di Gesù, avranno salvi ognuno dei propri familiari, che non moriranno in peccato mortale e non si danneranno, mentre quelli già presenti in purgatorio saranno liberati.
  • Coloro che diffonderanno la devozione al S. Volto otterranno luce durante i giorni annunciati da S. Giovanni nell’Apocalisse, ovvero durante il tempo dell’apostasia della Chiesa Cattolica.
  • Se dovessero morire durante i castighi, moriranno da martiri e raggiungeranno la santità.
  • Coloro che sono devoti in modo particolare al S. Volto verranno avvertiti prima di pericoli e catastrofi.
  • Quelli che diffonderanno la devozione al S. Volto verranno risparmiati dalla punizione e dai castighi che scenderanno sul mondo (i 10 segreti di Medugorje).

 

 

Oggi 14 febbraio inizia la Quaresima…

Risultati immagini per sacre ceneri 2018

Carissimi amici, oggi 14 Febbraio è Mercoledì delle ceneri, inizia la Quaresima, i 40 giorni che ci dividono dalla Pasqua. Oggi é digiuno. Questi giorni devono essere giorni in cui si prega di più e con qualche piccola rinuncia. Se potete andare a messa, riempite le chiese.

Don Michele Madonna.

 

Cari amici,

in questo tempo di Quaresima dobbiamo dedicare più tempo a noi stessi, alla nostra vita interiore e al bene della nostra anima.
Che giova infatti all’uomo guadagnare il mondo intero se poi perde la sua anima?

Guardiamo all’esempio di Gesù nel deserto e andiamo controcorrente in un mondo in balia dell’effimero, che genera disordine e scontentezza.

Dedichiamo più tempo all’incontro quotidiano col Signore nella preghiera, all’ascolto della voce della conoscenza e al rinnovamento della nostra vita.
Se ci rendiamo conto che siamo sulla strada sbagliata fermiamoci e ritorniamo indietro. Dio dà sempre a chi si pente la possibilità di una vita nuova.
In questo tempo di Quaresima facciamo qualche rinuncia e pratichiamo qualche opera di misericordia.

Radio Maria è una grande opera di misericordia che è nata dall’amore per la Madonna. Grazie e cuore a tutti coloro che fanno sacrifici perché continui nella sua missione di operare il bene.
Prepariamo i cuore alla pace e alla gioia della Pasqua.

 

Vostro Padre Livio

14 Settembre…Esaltazione della croce…Gesù

IMG_6236

 

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE
PREGHIERA

“Ti benediciamo, Signore, Padre santo, perché nella ricchezza del tuo amore, dall’albero che aveva portato all’uomo morte e rovina, hai fatto scaturire la medicina di salvezza e di vita. Il Signore Gesù, sacerdote, maestro e re, venuta l’ora della sua Pasqua, salì volontariamente su quel legno e ne fece l’altare del sacrificio, la cattedra di verità, il trono della sua gloria. Innalzato da terra trionfò sull’antico avversario e avvolto nella porpora del suo sangue con amore misericordioso attirò tutti a sé; aperte le braccia sulla croce offrì a te, o Padre, il sacrificio della vita e infuse la sua forza redentrice nei sacramenti della nuova alleanza; morendo rivelò ai discepoli il senso misterioso di quella sua parola: il chicco di grano che muore nei solchi della terra produce una messe abbondante. Ora ti preghiamo, Dio onnipotente, fa’ che i tuoi figli adorando la Croce del Redentore, attingano i frutti della salvezza che egli ha meritato con la sua passione; su questo legno glorioso inchiodino i propri peccati, infrangano la loro superbia, guariscano l’infermità della condizione umana; traggano conforto nella prova, sicurezza nel pericolo, e forti della sua protezione percorrano incolumi le strade del mondo, fino a quando tu, o Padre, li accoglierai nella tua casa. Per Cristo nostro Signore. Amen”.
CONSACRAZIONE della famiglia al Crocifisso

Gesù Crocifisso, da Te riconosciamo il grande dono della Redenzione e, per essa, il diritto al Paradiso. Come atto di riconoscenza per tanti benefici, Ti intronizziamo solennemente nella nostra famiglia, perché Tu ne sia il dolce Sovrano e Maestro Divino.

La tua parola sia luce nella nostra vita: la tua morale, regola sicura di tutte le nostre azioni. Conserva e rinvigorisci lo spirito cristiano perché ci mantenga fedeli alle promesse del Battesimo e ci preservi dal materialismo, rovina spirituale di tante famiglie.

Concedi ai genitori fede viva nella Divina Provvidenza e virtù eroica per essere esempio di vita cristiana ai figli; alla gioventù di essere forte e generosa nell’osservare i tuoi comandamenti; ai piccoli di crescere nella innocenza e bontà, secondo il tuo Cuore divino. Questo omaggio alla tua Croce sia anche atto di riparazione per l’ingratitudine di quelle famiglie cristiane che Ti hanno rinnegato. Ascolta, o Gesù, la nostra preghiera per l’amore che ci porta la tua SS. Madre; e per i dolori da Lei sofferti ai piedi della Croce, benedici la nostra famiglia perché, vivendo nel tuo amore oggi, possa goderti nell’eternità. Così sia!
INNO

Ecco il vessillo di un Re crocifisso,
mistero di morte e di gloria:
il Signore del mondo
si spegne su un patibolo.

Straziato nelle carni,
atrocemente inchiodato,
si immola il Figlio di Dio,
vittima pura del nostro riscatto.

Colpo di lancia crudele
squarcia il tuo cuore; fluisce
sangue ed acqua: è la fonte
che ogni peccato lava.

Sangue regale imporpora
lo squallore del legno:
risplende la croce e Cristo
regna da questo trono.

Salve, croce adorabile!
Su questo altare muore
la Vita e morendo ridona
agli uomini la vita.

Salve, croce adorabile,
sola nostra speranza!
Concedi perdono ai colpevoli,
accresci nei giusti la grazia.

O Trinità beata unico Dio,
a te si elevi la lode;
custodisci nei secoli
chi dalla croce è rinato. Amen.
   PROMESSE di nostro Signore a coloro che onorano e venerano il Santo Crocifisso

Il Signore nel 1960 avrebbe fatto queste promesse ad una sua umile serva:

1) Quelli che espongono il Crocifisso nelle loro case o posti di lavoro e lo decorano con fiori, raccoglieranno molte benedizioni e ricco frutto nel loro lavoro e nelle loro iniziative, insieme ad un immediato aiuto e conforto nei loro problemi e sofferenze.

2) Coloro i quali guardano al Crocifisso anche soltanto pochi minuti, quando saranno tentati o sono nella battaglia e nello sforzo, soprattutto quando saranno tentati dalla collera, padroneggeranno subito se stessi, la tentazione e il peccato.

3) Quelli che mediteranno ogni giorno, per 15 minuti, sulla Mia Agonia sulla Croce, sosteranno di sicuro le loro sofferenze e i loro fastidi, prima con pazienza più tardi con gioia.

4) Quelli che molto spesso meditano sulle Mie ferite sulla Croce, con profondo dolore per i loro peccati e le loro colpe, acquisteranno presto un profondo odio al peccato.

5) Coloro i quali spesso e almeno due volte al giorno offriranno al Padre celeste le mie tre ore di Agonia sulla Croce per tutte le negligenze, le indifferenze e le mancanze nel seguire le buone ispirazioni ne abbrevieranno la punizione o ne saranno completamente risparmiati.

6) Quelli che volentieri recitano giornalmente il Rosario delle Sante Piaghe, con devozione e grande fiducia mentre meditano sulla Mia Agonia sulla Croce, otterranno la grazia di adempiere bene i loro doveri e con il loro esempio indurranno gli altri a fare altrettanto.

7) Coloro i quali ispireranno ad altri ad onorare il Crocifisso, il Mio preziosissimo Sangue e le Mie Piaghe e che inoltre faranno conoscere il Mio Rosario delle S. Piaghe otterranno presto risposta a tutte le loro preghiere.

8) Coloro i quali fanno la Via Crucis giornalmente per un certo periodo di tempo e la offrono per la conversione dei peccatori possono salvare un’intera Parrocchia.

9) Coloro i quali per 3 volte consecutive (non nello stesso giorno) visitano un immagine di Me Crocifisso, la onorano e offrono al Padre Celeste la Mia Agonia e Morte, il Mio preziosissimo Sangue e le Mie Piaghe per i loro peccati avranno una bella morte e moriranno senza agonia e paura.

10) Quelli che ogni venerdì, alle tre del pomeriggio, meditano sulla Mia Passione e Morte per 15 minuti, offrendole insieme al Mio Preziosissimo Sangue e alle Mie S. Piaghe per se stessi e per i morenti della settimana, otterranno un alto livello di amore e di perfezione e possono star sicuri che il diavolo non potrà causare loro ulteriori danni spirituali e fisici.
INDULGENZE legate all’uso del Crocifisso

In articulo mortis ( al momento della morte)
Al fedele in pericolo di morte, che non possa essere assistito da un sacerdote che gli amministri i sacramenti e gli impartisca la benedizione apostolica con l’annessa indulgenza plenaria, la santa Madre Chiesa concede ugualmente l’indulgenza plenaria in punto di morte, purché sia debitamente disposto e abbia recitato abitualmente durante a vita qualche preghiera. Per l’acquisto di tale indulgenza è raccomandabile l’uso del crocifisso o della croce. La condizione “purché abbia recitato abitualmente durante la vita qualche preghiera” supplisce in questo caso le tre solite condizioni richieste per l’acquisto dell’indulgenza plenaria. Questa indulgenza plenaria in punto di morte può essere lucrata dal fedele che, nello stesso giorno abbia già acquistato un’altra indulgenza plenaria.

Obiectorum pietatis usus (Uso degli oggetti di pietà)
Il fedele che devotamente usa un oggetto di pietà (crocifisso o croce, corona, scapolare, medaglia), benedette da un sacerdote qualsiasi, può lucrare una indulgenza parziale. Se poi tale oggetto religioso è benedetto dal Sommo Pontefice o da un Vescovo, il fedele, che devotamente lo usa, può acquistare anche l’indulgenza plenaria nella festa dei santi Apostoli Pietro e Paolo, aggiungendo però la professione di fede con qualsiasi legittima formula.
I SANTI e il CROCIFISSO

Fu rivelato a S. Margherita Alacoque, apostola del S. Cuore” Nostro Signore sarà propizio in punto di morte a tutti coloro che di venerdì lo adoreranno 33 volte sulla croce, trono della sua Misericordia. ( scritti n. 45)

A suor Antonietta Prevedello il divino Maestro disse: “ ogni volta che un’anima bacia le ferite del crocifisso merita che Io le baci le piaghe della sua miseria e dei suoi peccati… io ricompenso con 7 doni mistici, quelli dello Spirito Santo, atti a distruggere i 7 peccati capitali, quelli che baciano per adorazione le piaghe sanguinanti del mio Corpo.”

A suor Marta Chambon, suora della visitazione di Chambery, fu rivelato da Gesù:”Le anime che pregano con umiltà e meditano la mia dolorosa Passione, avranno un giorno una partecipazione alla gloria delle mie Piaghe, contemplami sulla croce.. stringiti al mio cuore, vi scoprirai tutta la bontà di cui è colmo.. vieni figlia mia e gettati qui dentro. Se volete entrare nella luce del Signore bisogna nascondersi nel mio Costato. Se volete conoscere l’intimità delle viscere della Misericordia di Colui che vi ama tanto, dovete avvicinare le labbra con rispetto ed umiltà all’apertura del mio Sacro Cuore. L’anima che spirerà nelle mie piaghe non si dannerà.”

Gesù ha rivelato a S. Geltrude: “Ti confido che mi torna assai gradito vedere lo strumento del mio supplizio circondato d’amore e di rispetto”.